Livorno, 12 luglio 1884, nascita di Amedeo Modigliani, quartogenito di Flaminio Modigliani e Eugènie Garsin. La precoce propensione alla pittura di Amedeo si manifesta con la frequentazione, a partire dall'estate 1898, dello studio dell'artista livornese Guglielmo Micheli.

Nel 1901, viaggio di convalescenza con la madre, dopo una malattia polmonare.

Scopre Napoli, Amalfi, Capri, Roma e Firenze.

L'anno seguente, si iscrive alla Scuola Libera di Nudo dell'Accademia di Belle Arti a Firenze, dove approfondisce la conoscenza della pittura impressionista italiana, detta "Macchiaiola", degli artisti dell'avanguardia toscana e del loro capofila, il professor Giovanni Fattori.

Nel 1903, frequenta la Scuola Libera del Nudo a Venezia. Incontra l'artista Ortiz de


 

Zàrate con il quale scopre la Biennale di Venezia e le tendenze europee dell'arte, con una particolare attenzione all'opera di Cézanne e Van Gogh.

Compie il primo viaggio in Inghilterra.

Arriva a Parigi all'inizio di febbraio del 1906.

Dopo un breve soggiorno all'hôtel della Madeleine, prende in affitto un atelier a Montmartre.

Si iscrive ai corsi di disegno dell'Accademia Colarossi  >>>